FOX

Un ristorante in Thailandia serve una zuppa che bolle da 45 anni

di - | aggiornato

In un ristorante della capitale thailandese servono una zuppa in cottura perpetua da addirittura 45 anni, con polpette, trippa, carne di manzo e noodle di riso.

115 condivisioni 0 commenti

Condividi

Al ristorante Wattana Panich servono una zuppa che bolle ininterrottamente da 45 anni. Se siete a Bangkok, dovete andare assolutamente nel quartiere Ekkamai, dove si trova il ristorante Wattana Panich, e chiedere una scodella di neua tune

Avrete così la possibilità di assaggiare questa zuppa con carne di manzo, polpette, trippa, frattaglie e i classici noodle, gli spaghetti di riso. 

Il titolare, Nattapong Kaweenuntawong, ha ereditato il locale dalla sua famiglia. Si tratta, infatti, di un ristorante a conduzione familiare, gestito oggi dalla terza generazione dei Kaweenuntawong. 

A occuparsi del grosso pentolone in cui bolle la zuppa è la madre di Nattapong. Ogni sera, la donna filtra il brodo che viene riutilizzato il giorno dopo, quando lei vi immerge nuovamente carne, spezie e noodle. È cioè il brodo a non subire mai un ricambio e a bollire da 45 anni per dare gusto e aroma eccezionali alla zuppa. 

Non si tratta di un metodo totalmente nuovo in cucina. La cottura lunghissima è alla base di piatti come lo stufato perpetuo o stufato del cacciatore, anche se si parla di molte ore o di giorni ma non certo di 45 anni. 

Intorno alla pentola in cui cuoce la zuppa, inoltre, c’è uno strano anello marrone. Ebbene, si tratta del liquido fuoriuscito durante la cottura e solidificatosi nel corso del tempo!

Quella del ristorante Wattana Panich non è comunque l’unica zuppa al mondo con una cottura così lunga. 

In un articolo del New York Times risalente al 1981, lo scrittore Arthur Prager parlava di una zuppa di manzo sui fornelli da 21 anni in Francia. Nello stesso articolo, lo scrittore faceva riferimento persino a un pentolone in cottura da 300 anni in Normandia e a un altro accesso nel 1400 a Perpignan (Pirenei Orientali). Purtroppo, pare che quest’ultimo non sia riuscito a sopravvivere alla Seconda Guerra Mondiale. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.