FOX

Binge watching estremo di Friends al lavoro: De Niro fa causa all'ex impiegata per 6 milioni di dollari

di - | aggiornato

Il binge watching può fare male, molto male! La società di finanziamenti di Robert De Niro ha fatto causa per 6 milioni di dollari a una ex impiegata per avere guardato 55 episodi di Friends a lavoro (e non solo).

Robert De Niro al Tribeca Film Festival Getty Images

5 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il binge watching estremo può costare molto caro. Non solo in termini figurati di vita sociale e forma fisica (perché il junk food è una componente imprescindibile), ma anche reali di denaro. Ne sa qualcosa (anzi, molto) Chase Robinson, una ex impiegata della Canal Productions, la società di finanziamenti di Robert De Niro.

Come riporta Variety, la compagnia ha intentato contro di lei una causa da 6 milioni di dollari, per avere guardato 55 episodi di Friends in ufficio. A quanto pare, lo scorso gennaio, la donna avrebbe passato 4 giorni davanti allo schermo, anziché lavorare. Ma non solo.

Mentre si godeva la serie, avrebbe ordinato un pranzo al lussuoso ristorante The Caviar Co. Invece, una sera, avrebbe cenato in un altro rinomato locale, il Paola's Restaurant. E in entrambi i casi, avrebbe pagato con la carta di credito aziendale.

Chase Robinson avrebbe ripetuto il binge watching a marzo, guardando in 4 giorni (di nuovo) almeno 20 episodi di Arrested Development - Ti presento i miei e 10 di Schitt's Creek.

La sua condotta è stata (ovviamente) ritenuta inaccettabile da Canal Productions, che lo ha scritto nero su bianco nella documentazione della causa:

Guardare serie TV su Netflix non faceva in alcun modo parte o era correlato ai doveri e alle responsabilità del ruolo della signora Robinson. Invece, in base alle informazioni raccolte e alle conoscenze acquisite, era fatto per suo personale intrattenimento, divertimento e piacere, durante le ore retribuite di lavoro.

In realtà, il binge watching non sarebbe l'unico comportamento inopportuno (quantomeno) messo in pratica dalla ex dipendente. La società di De Niro ha portato in tribunale Chase Robinson anche per una serie di altre azioni censurabili.

Come scrive ancora Variety, oltre a trascorrere "una quantità di tempo astronomica" a guardare serie TV in ufficio, la donna sarebbe stata spesso assente, avrebbe accumulato spese esorbitanti per hotel e ristoranti e avrebbe utilizzato a titolo personale milioni di miglia "frequent flyer" accumulate da Robert De Niro durante i suoi viaggi privati.

Più nel dettaglio, la ex dipendente avrebbe speso senza essere autorizzata 12.696,65 dollari presso il Paola's Restaurant nell'arco di due anni, oltre ad altri 8.923,20 dollari presso la catena Dean and Deluca e nei negozi Whole Foods e 32mila in Uber e taxi.

Alla fine, la sua condotta non è più passata inosservata e Robinson ha lasciato la Canal Productions ad aprile, dopo essere stata assunta nel 2008 e avere raggiunto il ruolo di vice presidente delle attività produttive e finanziare (con uno stipendio di 300mila euro nel 2019).

Ma mentre i documenti della causa parlano di "sabotaggio aziendale" e di "appropriazione indebita di denaro", la ex impiegata la pensa in tutt'altro modo.

Nella lettera di dimissioni, la donna avrebbe liquidato le accuse come "ridicole". Poi avrebbe scritto un'altra lettera, stavolta di raccomandazioni, e avrebbe chiesto a Robert De Niro di firmarla.

Com'è facile intuire, l'attore non solo si è rifiutato di farlo, ma ha risposto portando Robinson in tribunale.

Adesso si annuncia un altro tipo di binge watching... legale!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.