FOX

What If...?, gli zombie Marvel e le possibili realtà alternative suggerite dal logo

di - | aggiornato

I dettagli sulla prima serie TV animata targata Marvel emersi al San Diego Comic-Con 2019 sono stati sviscerati da numerosi fan, che sui social hanno analizzato il logo dello show e scoperto cosa ci cela dietro i suoi font.

Il logo e gli attori della serie TV What If...? presentato al San Diego Comic-Con 2019 Getty Images

51 condivisioni 0 commenti

Condividi

La presentazione di What If...? al San Diego Comic-Con 2019 ha scatenato i fan più agguerriti dell'Universo Marvel. Lo show sarà la prima serie TV animata realizzata dalla Casa delle Idee per il MCU, verrà trasmessa da Disney+ nell'estate del 2021 e racconterà i mondi paralleli ai 23 film della "Infinity Saga".

Il boss Kevin Feige, nel rivelare che la voce narrante sarà quella di Jeffrey Wright nei panni dell'Osservatore, ha promesso che gli episodi "condurranno gli spettatori in territori inesplorati". Queste parole hanno scatenato un'autentica caccia all'indizio che gli appassionati stanno portando avanti da giorni sui social media.

Il logo della serie TV What If...? presentato al San Diego Comic-Con 2019HDMarvel Studios
Il logo di What If...?

Il primo particolare emerso è legato al logo della serie: i font usati sono quelli di Iron Man, Doctor Strange, Captain America e Black Widow. Ma non è questo il punto. Analizzando da vicino il poster lanciato alla Hall H del Comic-Con, si nota come accanto alla "W" di "What" si intraveda uno zombie che indossa il costume del Capitano.

L'ipotesi immediata è che uno degli episodi di What If...? possa riguardare proprio Captain America e cosa sarebbe successo se Peggy Carter avesse preso i suoi poteri. Questa storyline è stata accostata ad un universo parallelo in cui il Teschio Rosso ha ucciso Steve Rogers, una vicenda già esplorata in Vecchio Logan, il fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da Steve McNiven, la stessa coppia d'autori di Civil War.

Come reso noto dal sito Comic Book, altri fan sono invece certi si tratti di uno Steve Rogers tramutato in uno zombie, alludendo così all'approdo su Disney+ di Marvel Zombies, la mini-serie a fumetti (spin-off di Ultimate Fantastic Four) realizzata da Robert Kirkman, il creatore di The Walking Dead. In questi albi, sulla Terra-2149 appaiono versioni alternative dei più celebri supereroi e supercriminali delle storie Marvel (Silver Surfer, Hulk, Iron Man, Wolverine, Luke Cage, Spider-Man, Captain America, Thanos, Firelord, Fenice, Gladiatore e tanti altri), nelle insolite vesti di zombie.

A differenza dei morti viventi tradizionali, però, i Marvel Zombies conservano la loro intelligenza e vagano affamati per il pianeta perché sono consumati dalla "Fame", che li spinge a divorare carne umana. Nel primo volume dei fumetti, l'apocalisse è cominciata quando gli umani da gustare sono finiti e i supereroi zombie sono alla disperata ricerca di nuove forme di alimentazione.

Una tavola dei fumetti della mini-serie Marvel ZombiesHDMarvel Studios
I Marvel Zombies

Altri "occhi di falco" hanno poi notato prima della "W" di "What" una figura che indossa il costume originale di Iron Man (decisamente più vecchio di quello visto al cinema nei film: altro preludio a Peggy Carter come Captain America?) e una Union Jack nella "T" finale. Quest'ultima farebbe pensare addirittura a Captain Britain, l'alter ego di Brian Braddock che, nei fumetti di Chris Claremont e Herb Trimpe, è il fratello della mutante Psylocke.

Una tavola dei fumetti di Captain BritainHDMarvel Studios
Captain Britain

E voi cosa ne pensate? Credete davvero che vedremo gli zombie Marvel e il difensore della Gran Bretagna nella serie? Fatecelo sapere in un commento!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.