FOX

Area 51, il creatore del raid ha paura che il governo gli bussi alla porta

di - | aggiornato

Matty Roberts, creatore dell'evento Facebook dedicato all'invasione dell'Area 51 il prossimo 20 settembre, ha parlato di come la cosa gli sia letteralmente sfuggita di mano (incluso il timore che l'FBI possa fargli visita).

Una foto dall'alto dell'Area 51 Facebook/Shitposting cause im in shambles

35 condivisioni 0 commenti

Condividi

Tutto il mondo è ormai a conoscenza di 'Storm Area 51', l'evento che si terrà il prossimo 20 settembre durante il quale prenderà il via la (presunta) invasione dell'Area 51, la base segreta nel deserto del Nevada in cui si ipotizza possano trovarsi i resti extraterresti dell'incidente di Roswell avvenuto nel 1947.

Ad oggi, 19 luglio, il numero di partecipanti all'evento continua a salire a dismisura, avendo raggiunto e superato la sorprendente cifra di 1,7 milioni di persone (e 1,3 interessate). Un numero realmente sorprendente, tanto che il creatore dell'evento, Matty Roberts, ha parlato mercoledì 17 luglio a KLAS-TV (via Deadline) di come il suo 'scherzo' si sia trasformato presto in un pericoloso evento virale fuori dal suo controllo.

L'ho pubblicato il 27 giugno ed era nato come una specie di scherzo. Ho aspettato tre giorni per il Mi Piace di 40 persone, e poi è completamente decollato, così dal nulla. È tutto abbastanza strano. Mi sono anche chiesto, l'FBI si presenterà a casa mia ora? Da lì in poi la cosa ha iniziato a diventare più inquietante.

Roberts ha anche spiegato che il suo scherzo è stato ispirato dal podcaster Joe Rogan, il quale ha recentemente intervistato Bob Lazar, il sedicente sedicente fisico che sostiene di aver applicato il processo di ingegneria inversa sulla tecnologia aliena nell'Area 51 (dischi volanti inclusi).

Proprio Lazar, che dichiarò infatti di aver lavorato presso l'area S-4 del Nevada Test Site sotto speciale richiesta del fisico ungherese Edward Teller, si è espresso sulla vicenda con un post Instagram (via AV Club), mettendo in guardia dalla pericolosità della cosa.

View this post on Instagram

I have to comment on this ‘Storm Area 51’ thing. I do understand it was started as a joke by someone, but there are a number of people who are actually planning on showing up. This is a misguided idea. Area 51 is a classified research base. There are no aliens or alien technology located there. The only place there was ever any alien technology was at Site S4, south of Area 51 proper. That was 30 years ago. S4 may have moved decades ago or it’s possible it’s no longer being used for the project. I do not support this ‘movement’. The last time someone tried to get in to Area 51 he was shot. This is not the way to go about trying to get more information. What is good, is the interest in the subject - the science and technology. That is what would immediately change the world we live in.

A post shared by Bob Lazar (@unitednuclearbob) on

Devo commentare questa cosa di 'Storm Area 51'. Capisco che sia iniziato come uno scherzo da parte di qualcuno, ma c'è un certo numero di persone che pensando di presentarsi davvero. Questa è un'idea sbagliata. L'Area 51 è una base di ricerca classificata. Non ci sono alieni o tecnologie extraterrestri all'interno. L'unico posto in cui c'è mai stata una tecnologia aliena era il sito S4, a sud dell'Area 51. Ma è stato 30 anni fa. S4 potrebbe essersi trasferito decenni fa o magari è possibile che non sia più utilizzato per il progetto. Non sostengo questo 'movimento'. L'ultima volta che qualcuno ha cercato di entrare nell'Area 51, i militari gli hanno sparato. Questo non è il modo per cercare di ottenere più informazioni. Ciò che è buono, invece, è l'interesse per l'argomento, la scienza e la tecnologia. Questo è ciò che cambierebbe immediatamente il mondo in cui viviamo.

Va detto infatti che chiunque commette un crimine all'interno o intorno all'Area 51, incluso valicare il limite consentito, potrebbe essere arrestato e perseguito nella misura consentita dalla legge militare (tanto che la US Air Force, nell'eventualità di una vera e propria 'invasione', non ha negato di essere pronta a usare tutte le forze di difesa necessarie). 

Il prossimo 20 settembre sapremo se l'assalto alla base militare più segreta di sempre avrà davvero luogo, o magari si tratterà solo della più grande messa in scena organizzata via social network.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.