FoxComedy

Io e Marley: le frasi dal libro di John Grogan e dal film

di - | aggiornato

Una raccolta delle frasi più belle tratte da Io e Marley, versione editoriale opera di John Grogan e cinematografica, con gli attori Owen Wilson e Jennifer Aniston.

Frame del film io e Marley 20th Century Fox

28 condivisioni 0 commenti

Condividi

Un cane, come un figlio, ti cambia la vita, ma mentre per il secondo un po' tutti te lo hanno detto, per il primo questa verità non è così esplicitamente dichiarata. Ma chiunque abbia un cane, sa che cosa vuol dire inseguirlo quando ha afferrato qualcosa di importante dal tavolo, resistere al suo sguardo quando vorrebbe mangiare un po' dei tuoi biscotti o trascinarsi fuori all'alba, sotto la pioggia, per fare un giretto. Ecco perché Io & Marley, sia nella versione editoriale sia in quella cinematografica, ha conquistato con facilità il cuore del pubblico: perché è un racconto vero, divertente, dolce di quella che è la vita con un amico a quattro zampe.

Ecco una raccolta di frasi e citazioni, sia dal libro sia dal film.

 

Io & Marley: frasi dal libro

Tre milioni di copie sono negli Stati Uniti: l'autobiografia che racconta l'arrivo in famiglia del cane Marley, scritta dal giornalista John Grogan, ha conquistato poi anche i lettori di tutto il mondo.

Ecco una raccolta delle citazioni più belle.

Io & MarleyHDSperling & Kupfer

“Domani la casa sarebbe stata rumorosa e di nuovo piena di vita. Per stasera eravamo solo noi due, Marley e io. Giacendo lì con lui, il suo fetido fiato sulla mia faccia, non potei fare a meno di pensare alla nostra prima notte insieme di tanti anni fa quando l'avevo portato a casa dall'allevamento, un cucciolino che piagnucolava in cerca della mamma. Ricordavo come avevo trasportato la sua scatola in camera mia e il modo in cui ci eravamo addormentati insieme, il mio braccio che penzolava dalla sponda del letto per confortarlo. Tredici anni dopo, eccoci qui, tuttora inseparabili. Pensavo alla sua infanzia e alla sua adolescenza, ai divani ridotti a brandelli e ai materassi masticati, alle fantastiche passeggiate lungo l'Intercoastal e ai balli guancia a guancia con lo stereo a tutto volume. Pensavo agli oggetti trangugiati, ai libretti di assegni rubati e ai dolci momenti di empatia cane-uomo. Per lo più pensavo a che buono e fedele compagno era stato in tutti quegli anni. Che fantastico viaggio!"

“Eravamo giovani. Eravamo innamorati. Ci stavamo godendo quel fantastico primo anno di matrimonio quando sembra che la vita non potrebbe andare meglio. Non ci bastava.”

“Ed eccola, che stava adesso compiendo il cosmico salto di logica da flora morta in un vaso a fauna vivente negli annunci di animali domestici. Uccidi una Pianta, compera un cucciolo. Be’, aveva perfettamente senso.”

“Le nostre vite erano sempre più definite dal lavoro. Lavoro al giornale. Lavoro a casa. Lavoro in cortile. Lavoro a cercare di concepire. E, una vocazione di per  sé quasi full-time, lavoro per allevare Marley. Sotto molti aspetti, era come un bambino che richiedeva tempo e attenzione, e noi stavamo sperimentando un assaggio della responsabilità che ci aspettava se avessimo mai avuto una famiglia. Ma solo fino a un certo punto. Per quanto ne sapessimo poco di quel che significava essere genitori, eravamo certi che non avremmo potuto rinchiudere i nostri figli nel garage con una ciotola d'acqua assentandoci per tutto il giorno.”

“Era un maestro e un modello di comportamento. Era possibile per un cane, qualsiasi cane, ma soprattutto un pazzo cane incontrollabile come il nostro, indicare agli umani le cose che contavano realmente nella vita? Direi di si. Lealtà. Coraggio. Devozione. Semplicità. Gioia. E le cose che non contavano.”

“Quando (la casa) fu finalmente sistemata, ci sembrò ovviamente sensato portare a casa un compagno a quattro zampe con unghie ruspanti, grandi denti e limitate capacità espressive per iniziare a demolirla di nuovo.”

“Mentre scrivevo questo articolo di addio a Marley, mi rendevo conto che era tutto lì di fronte a noi, se solo avessimo aperto gli occhi. A volte occorre un cane con un alito cattivo, pessime maniere e intenzioni pure per aiutarci a vedere."

“Passeggiare è probabilmente la parola sbagliata. Marley passeggiava come passeggia una locomotiva impazzita.”

 

Io & Marley: citazioni dal film

La storia di John e Marley e della loro famiglia è arrivata sul grande schermo nel 2008: la pellicola ha coinvolto due volti noti della commedia, come Owen Wilson e Jennifer Aniston ed è piaciuto così tanto che, nel 2011, è stato girato il sequel.

Ecco una raccolta delle più belle frasi dal film.

Io & Marlin20th Century Fox

“Un cane non se ne fa niente di macchine costose, case grandi o vestiti firmati. Un bastone marcio per lui è sufficiente. A un cane non importa se sei ricco o povero, brillante o imbranato, intelligente o stupido, se gli dai il tuo cuore lui ti darà il suo. Di quante persone si può dire lo stesso? Quante persone ti fanno sentire unico, puro, speciale? Quante persone possono farti sentire... straordinario?” (John Grogan)

“Bè, che si prova ad aver passato gli anni migliori? Hai fatto tutto quello che volevi fare? … No, nemmeno io!” (John Grogan)

“All’inizio con John desideravo avere una famiglia, ma non mi ero ancora resa conto che, da quando ci sei stato tu, noi eravamo già una famiglia. Addio cucciolotto in saldo”. (Jennifer Grogan)

“È proprio come un bambino, ma più peloso.” (John Grogan)

Ms. Kornblut: Un cane riconosce un solo padrone! Nel vostro rapporto chi è il più autoritario di voi due?
John Grogan: Vabbè… Facciamo che io all'inizio sto a guardare.
Ms. Kornblut: Come pensavo!

“Niente può eguagliare l’esperienza di allevare il tuo primo cane, la gioia di camminare fianco a fianco all’aria aperta col tuo migliore amico.” (John Grogan)

“Sei stato al guinzaglio per troppo tempo! … Hai ritrovato le forze, eh?” (John Grogan)

“Ti ricordi che ti dicevamo sempre che eri un cane terribile. Che eri il cane peggiore del mondo. Non devi crederci, non crederci neanche per un attimo, perché non avremmo potuto trovare un cane migliore. Sei stato proprio un grande cane, perché ci hai amato ogni giorno, qualunque cosa accadesse, e questo è fantastico, sai. Non so esattamente cosa ci sia dopo, ma voglio che tu ti ricordi che sei un grande cane Marley, sei un grande cane.” (John Grogan)

“Marley, questa è casa nostra!... E ora, è la tua!” (John Grogan)

John Grogan: C’è una donna nuda nel tuo letto…
Jennifer Grogan: È allora perché non cominciate voi due? Appena possibile sarò con voi…

 

E voi, padroni di animali, in quali di queste frasi vi ritrovate?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.