FOX

Il terrificante grido di Viserion mentre demoliva la Barriera? Erano i fan (ubriachi) di GoT

Questo sì che è partecipare attivamente alla propria serie TV preferita.

512 condivisioni 0 commenti

Condividi

Non sempre ai fan è permesso di contribuire alla propria serie TV del cuore, anche se alcuni patiti di Game of Thrones ci sono riusciti (a loro insaputa).

Paula Fairfield, sound designer dello show, ha infatti rivelato di aver utilizzato delle urla di fan ubriachi per realizzare un particolare suono udito nel finale di GoT 7: il raggelante grido di Viserion mentre demolisce la barriera con le sue fiamme azzurre (non è un drago di ghiaccio, come molti pensano, ma "semplicemente" un drago non-morto).

La Fairfield, in un'intervista a Vanity Fair, ha detto di aver chiesto ad un gruppo di fan di Chicago di "ubriacarsi un po' e di urlare come se stessero subendo delle torture". Il gruppo, che si riunisce al Burlington bar nella cittadina dell'Illinois per gustarsi le puntate della serie, non ci ha pensato due volte e ha obbedito alla sound designer senza sapere nemmeno a cosa sarebbero servite le urla.

Le registrazioni inviate sono state mixate per creare il peculiare urlo di Viserion, con somma sorpresa (e delizia) dei fan che pensavano di aver doppiato dei contadini o dei soldati destinati alla morte.

Ecco il video in cui la sound designer (con il cappellino e gli occhiali a sinistra dell'inquadratura) assiste agli eventi con i fan di Chicago. Dopo la messa in onda del finale di stagione, Paula Fairfield ha svelato l'arcano ai fan ignari che, ovviamente, erano al settimo cielo.

Sono soddisfazioni.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.