FOX

Reazioni collaterali da Breaking Bad: Aaron Paul teme che la prima parola della figlia sarà 'Bitch'

di -

La battuta 'Yo, bitch!' ossessivamente ripetuta da Aaron Paul in Breaking Bad sembra perseguitarlo ancora oggi, 10 anni dopo la prima messa in onda della serie. E se sua figlia cominciasse a parlare pronunciando proprio quella parola?

522 condivisioni 0 commenti

Condividi

Jesse Pinkman di Breaking Bad viene ricordato dal pubblico (anche) per un suo particolare tic linguistico.

Il personaggio interpretato da Aaron Paul diceva sempre la parolaccia "bitch", insulto comunemente tradotto come "puttana", ma utilizzato nella serie anche al maschile, come equivalente di "stronzo". Sono passati 10 anni da quando, nel 2008, Breaking Bad ha fatto il suo esordio in TV, ma ancora oggi i fan si rivolgono all'attore - praticamente insultandolo, seppure bonariamente - con quella parola.

Ospite della trasmissione televisiva condotta da Conan O'Brien, Paul ha svelato qual è il suo timore più grande in merito: "bitch" potrebbe essere la prima parola di sua figlia!

Ho paura che forse proprio quelle potrebbero essere le sue prime parole. Le sta sentendo così spesso, ma andrà bene. Dovrò semplicemente sedermi e spiegarle che significa.

🎈

A post shared by Aaron Paul (@glassofwhiskey) on

La figlia di Aaron Paul - l'attore, recentemente, è stato coinvolto in una polemica con un noto YouTuber - ha solo pochi mesi, ma si sa che i bambini imparano presto.

Aaron Paul con sua figlia al Comic-Con di San DiegoHDGetty Images
Aaron Paul con sua figlia al Comic-Con di San Diego

Sarà per questo che è apparsa al Comic-Con di San Diego con una tuta gialla che ci è molto familiare?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.