FOX

Scent of a Woman - Profumo di donna: le frasi più belle del film con Al Pacino

di -

Scent of a Woman - Profumo di donna è una pellicola del 1992 diretta da Martin Brest con protagonista Al Pacino. Ecco le frasi più belle e famose del film.

Al Pacino e Chris O'Donnell Universal Pictures

350 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il 23 dicembre del 1992 arrivò nelle sale americane, in un numero limitato, Scent of a Woman - Profumo di donna che in poco tempo riuscì a conquistare la critica. Diretto da Martin Brest, il film è il remake dell'omonima pellicola di Dino Risi del 1974 con Vittorio Gassman ispirata a sua volta al romanzo Il buio e il miele di Giovanni Arpino.

Protagonista del remake è invece Al Pacino che grazie alla sua interpretazione conquistò l'Oscar come Miglior attore mentre il film ricevette altre 3 nomination e vinse 3 Golden Globe (Miglior film drammatico, Miglior attore in un film drammatico e Miglior sceneggiatura).

Nel cast troviamo poi Chris O’ Donnell, Philip Seymour Hoffman, Gabrielle Anwar, Richard Venture e Rochelle Oliver. Scent of a Woman - Profumo di donna fu un successo anche al botteghino dove incassò oltre 134 milioni di dollari in tutto il mondo

Al Pacino e Gabrielle AnwarHDUniversal Pictures

La storia racconta le vicende di Charlie Simms (Chris O’ Donnell), uno studente che frequenta una prestigiosa scuola del New England nonostante provenga da una famiglia umile e non agiata come la maggior parte dei suoi compagni. Per potersi pagare il biglietto aereo e tornare a casa per Natale, il ragazzo accetta un lavoro nel week-end del Ringraziamento come accompagnatore di Frank Slade (Al Pacino), uno scorbutico tenente colonnello in pensione e non vedente.

Prima di recarsi a lavoro però Charlie ed il suo amico, George Willis Jr, assistono alla preparazione di uno scherzo che viene fatto ai danni di Mr Trask, il preside della scuola. Quest'ultimo decide di aprire un'inchiesta e mette sotto pressione i due ragazzi per farsi rivelare i nomi dei colpevoli. Ma l'unico che rischia davvero qualcosa è Charlie visto che Mr Trask minaccia di togliergli la borsa di studio per Harvard. L'altro studente invece non teme nessuna ripercussione in quanto suo padre è tra i finanziatori della scuola. 

Nel frattempo Charlie fa la conoscenza del colonnello Slade ma gli inizi non sono dei migliori. L'uomo, oltre ad essere cieco, è irascibile, ironico, ha il vizio di bere e parla soltanto di servizio militare. Inoltre visto che sua nipote e la sua famiglia hanno deciso di trascorrere il Ringraziamento altrove, Slade vuole darsi al divertimento sfrenato. A sorpresa infatti si fa accompagnare da Charlie a New York dove prende una suite al Waldorf Astoria Hotel, noleggia una limousine, frequenta ristoranti di lusso e si circonda di belle donne.

HDUniversal Pictures

Nel weekend che trascorrono insieme tra i due si instaura un legame fortissimo come tra padre e figlio, soprattutto dopo che Charlie salva Frank da un tentativo disperato di suicidio. Il ragazzo poi gli confida i suoi problemi con il preside della scuola ed è proprio il colonnello ad intervenire a sorpresa in sua difesa durante l'assemblea convocata da Mr Trask. Il suo memorabile discorso convince la commissione a scagionare Charlie da ogni responsabilità nella vicenda e alla fine Slade decide di tornare da sua nipote.

Ecco le citazioni più famose di Scent of a Woman - Profumo di donna.

Le frasi più famose del film

“Ci sono due tipi di persone al mondo: quelle che tengono duro e fanno fronte e quelle che se ne scappano. Scappare è meglio”. - Frank Slade (Al Pacino)

“Se smetti di essere curioso, sei bello che morto”. - Frank Slade (Al Pacino)

“Per tutta la vita ho lottato contro tutti e contro tutto solo perché così mi sentivo... importante. Tu lo fai perché ci credi. Quanto sei onesto, Charlie. Non so ancora se spararti o adottarti". - Frank Slade (Al Pacino)

“Non c'è possibilità di errore nel tango, Dana, non è come la vita, è più semplice! Per questo il tango è così bello: commetti uno sbaglio, ma non è mai irreparabile, seguiti a ballare. Perché non ti butti? Vuoi provare?” - Frank Slade (Al Pacino)

"Le gambe: non importa che siano colonne greche o gambe di pianoforte, l'importante è quello che c'è in mezzo: il passaporto per il Paradiso! Ho voglia di bere!" - Frank Slade (Al Pacino)

“Ma a te Charlie che te ne frega? - Di che cosa? - Di che cosa?! Che io mi faccia saltare le cervella o no! - Ah, non lo so, perché... perché io ce l'ho una coscienza. - Tu hai una coscienza? Dimenticavo, la coscienza di Charlie: facciamo la spia, non facciamo la spia... Ci atteniamo al codice dei ragazzi ricchi o no? Vogliamo lasciare che questo povero cieco crepi, o no? Già... la coscienza, Charlie... Ma quando sei nato figliolo?! Ai tempi del principe Amleto e company?! Ah! Non l'hai mai sentito dire? La coscienza è morta!” Dialogo tra Frank e Charlie

"Sei stato rapito da un male incurabile? lo so perfettamente dove sei, io sto cercando tracce di materia cerebrale. Hai giocato a football senza casco, lo diceva sempre Johnson ad Henry Ford!". - Frank Slade

"Vedi ragazzo…ci sono due cose per cui vale la pena di vivere…al primo posto c'è la f..a, ma al secondo posto, seppur con grande distacco, c'è la Ferrari". -  Frank Slade

"Non c'è niente di peggio che assistere alla stupida amputazione di un'anima perché per quello non c'è protesi". - Frank Slade

Il memorabile discorso finale di Frank

Ecco infine uno dei momenti più memorabile di tutto il film, il discorso finale che il colonnello Frank Slade tiene davanti al preside Trask e alla commissione in difesa di Charlie. Il monologo è molto lungo e vi riportiamo solo la parte conclusiva ma potrete ascoltarlo nella clip che trovate a seguire. 

Io non so se il silenzio di Charlie in questa sede sia giusto o sbagliato, non sono giudice né giurato, ma vi dico una cosa... quest'uomo non venderà mai nessuno per comprarsi un futuro, e questa, amici miei si chiama onestà, si chiama coraggio, e cioè quelle cose di cui un leader dovrebbe essere fatto. Io mi sono trovato spesso ad un bivio nella mia vita; io ho sempre saputo qual era la direzione giusta, senza incertezze sapevo qual era, ma non l'ho mai presa, mai. E sapete perché? Era troppo duro imboccarla. Questo succede a Charlie: è giunto ad un bivio ed ha scelto una strada, ed è quella giusta: è una strada fatta di princìpi, che formano il carattere. Lasciatelo continuare nel suo viaggio. Voi adesso avete il futuro di questo ragazzo nelle vostre mani, è un futuro prezioso, potete credermi. Non lo distruggete. Proteggetelo, abbracciatelo. È una cosa di cui un giorno andrete fieri, molto fieri.

E voi quali frasi preferite di questa splendida pellicola con Al Pacino e Chris O'Donnell?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.