FoxAnimation

È morto Tony Wolf, il papà di Pingu

di -

All'età di 88 anni è scomparso Tony Wolf, celebre illustratore italiano noto, tra le altre cose, per aver creato i personaggi di Pandi e del pinguino Pingu, protagonista dell'omonima serie animata.

Il pinguino Pingu Ray Yo Yo

338 condivisioni 1 commento

Condividi

All'età di 88 anni a Cremona (città in cui ha vissuto praticamente tutta la sua vita), il 18 maggio 2018, è scomparso Tony Wolf (pseudonimo di Antonio Lupatelli), celebre illustratore italiano noto ad intere generazioni di piccoli e grandi lettori italiane per aver creato diversi personaggi del mondo delle favole e dei cartoni animati come il celebre Pingu e Pandi.

L'illustratore Tony WolfHDParma Press
L'illustratore Tony Wolf

Nato a Busseto nel 1930, Wolf ha cominciato la sua carriera di illustratore negli anni'50, collaborando con i Fratelli Pagotto prima e con la casa editrice britannica Fleetway dopo. Da quel momento ha incominciato a creare diversi personaggi del mondo delle fiabe e illustrato diverse storie. Per Il Corriere dei Piccoli, tra il 1974 e il 1975, ha realizzato, su testi di Carlo Triberti, la serie Ciccio Sprai e adattato diverse favole famose come Lo schiaccianoci. In Italia Wolf ha collaborato anche con la casa editrice Fratelli Fabbri Editori e Dami Editore dove ha illustrato favole e libri per l'infanzia, utilizzando un altro pseudonimo: Oda Taro.

PinguDami Editore
Pingu

Negli anni '80 ha cominciato un lungo sodalizio con Dami Editore, insieme al quale ha prodotto oltre 200 titoli (proseguiti sotto il titolo di Dami Giunti Editore), tra cui , "Le più belle filastrocche", "Gli amici del bosco" e la "Bibbia dei piccoli", non tralasciando le storie di Pandi e dell'orsetto Teddy. Tony "il Lupo" ha animato anche molte delle storie del celebre pinguino Pingu, della sorellina Pinga e dell'amico Robbie che sono stati i protagonisti della serie animata realizzata in Svizzera e scritta dal regista Otmar Gutmann.

Lungo è stato anche il rapporto con l'editore di Torino Lo Scarabeo per il quale ha realizzato, senza usare pseudonimi, anche diversi mazzi di tarocchi tra i quali I tarocchi degli gnomi, celebre anche per essere stato il mazzo di tarocchi più piccolo mai pubblicato. 

L'illustratore di certo, però, non scomparirà nel cuore di grandi e piccini e, fino a giugno 2018, tutti i suoi fan potranno gustarsi le sue tavole originali presso i Musei di Nervi, a Genova, per la rassegna Ciao - Mostra internazionale di illustratori contemporanei.

Via: ANSA

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.