FoxComedy

I registi di Avengers: Infinity War fanno dito medio a Deadpool (e Hugh Jackman rincara la dose)

di -

Ryan Reynolds e Deadpool battuti al loro stesso gioco dai registi di Avengers: Infinity War e Hugh Jackam. L'attore e il suo alter ego sono stati mandati cordialmente a quel paese.

Deadpool e Thanos con il Guanto dell'Infinito 20th Century Fox/Marvel Studios

881 condivisioni 0 commenti

Condividi

Con Thanos non si scherza. E adesso lo sa anche Deadpool. Il Mercenario Chiacchierone non ha resistito alla tentazione di sbeffeggiare Avengers: Infinity War (al suo solito) e la risposta è stata un molto sentito dito medio. Cosa ha combinato stavolta Wade Wilson? Per capire quello che è accaduto, bisogna fare un passo indietro.

Tutto ha avuto inizio con la massiccia campagna anti- spoiler promossa dai Marvel Studios per chiedere ai fan di non rivelare nulla del film dopo averlo visto. I registi della pellicola hanno pubblicato su Instagram un post in cui era proprio Thanos a domandare il silenzio degli spettatori, tramite l'hashtag #ThanosDemandsYourSilence.

La solennità dell'appello (sottoscritto da gran parte del cast) ha sortito il suo effetto, ma ha anche fornito a Deadpool terreno fertile per la sua ironia dissacrante. A pochi giorni dall'uscita del secondo capitolo della saga sul Mercenario Chiacchierone, Wade Wilson ha pubblicato a sua volta una lettera aperta contro gli spoiler, facendo il verso al testo dei fratelli Russo.

La cosa sembrava essere finita lì, invece i due hanno risposto a Deadpool e l'hanno cordialmente mandato a quel paese. Per farlo, hanno utilizzato ancora una volta come intermediario Thanos e soprattutto il Guanto dell'Infinito:

E stavolta, Wade Wilson o per meglio dire Ryan Reynolds ha ammesso di essere stato battuto al suo stesso gioco:

Me lo merito.

Hugh Jackman "tira le orecchie" a Ryan Reynolds

Ma per l'attore canadese e il suo alter ego cinematografico di rosso vestito le "tirate d'orecchie" non sono finite lì. Durante Good Morning America, anche Hugh Jackman ha sgridato Ryan Reynolds per i continui scherzi e le prese in giro con cui lo bersaglia.

I toni sono bonari, ma l'attore australiano non le ha mandate a dire:

Ehi, amico, come stai? Ryan, io ti adoro. Adoro Deadpool. Non vedo l'ora di guardare il film e tu sei uno dei miei migliori amici. [Adoro, n.d.r.] Blake, la tua famiglia, tutto quanto. Ma molla un po'. Stai esagerando. È troppo. Non è sexy.

La "persecuzione" di Ryan nei confronti di Hugh è iniziata nel 2015. Durante le riprese del primo Deadpool, l'attore canadese ha pubblicato un video nei panni di Wade Wilson, in cui imitava il collega facendo sfoggio di uno smaccato accento australiano e chiedeva al pubblico di votarlo come Uomo Più Sexy del Mondo per l'annuale classifica (e copertina) di People.

In realtà, sia Ryan che Hugh hanno avuto l'onore di vincere (nel 2010 e nel 2008). Ma la star di Vancouver non ha saputo resistere alla tentazione di scimmiottare l'amico mostrando la brutta faccia di Wade Wilson.

Presenting ... ME by HIM. @vancityreynolds #SMA

A post shared by Hugh Jackman (@thehughjackman) on

Più di recente, Ryan si è messo d'impegno a disturbare Hugh mentre quest'ultimo cercava di registrare un video di auguri di buon compleanno. Nel breve filmato, si vede l'attore australiano in accappatoio seduto sul letto della sua camera d'albergo, mentre dietro di lui Deadpool canticchia fastidiosamente:

Ryan non si è trattenuto neppure in occasione del 22esimo anniversario di matrimonio dell'amico, commentando il traguardo raggiunto con un sarcastico: "Gli avevo dato 3 mesi. Al massimo. Mi sbagliavo".

Ma perché l'attore canadese "tampina" con tanta insistenza Hugh? Al di là dell'amicizia e dell'affiatamento tra i due, c'è il mai nascosto (anzi, per dirla tutta: sbandierato ai quattro venti) sogno di Ryan di realizzare un film con Deadpool e Logan. L'alter ego di Wade Wilson vorrebbe con tutto sé stesso una storia con i due mutanti insieme, ma Hugh non è affatto dell'idea.

Tuttavia, la tenacia (per usare un eufemismo) del Mercenario con la Bocca è proverbiale e la sensazione è che per farlo desistere ci vorrà ben altro che una simpatica "tirata d'orecchi".

Come finirà? Per saperlo, restate sintonizzati.

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.