FoxComedy

No, Gordon Ramsay non è diventato vegano

di -

Svolta vegana o ennesima provocazione a scopi commerciali? Il pluristellato chef scozzese ha pubblicato via Twitter una foto che lo ritrae con una pizza vegana mandando in tilt i suoi seguaci. Ma nulla è come sembra…

Gordon Ramsay è diventato vegano?

154 condivisioni 0 commenti

Condividi

Gordon Ramsay è diventato vegano?

È bastato un semplice tweet pubblicato sul suo account ufficiale, e lo chef scozzese più famoso (e temuto) al mondo ha scatenato un acceso dibattito tra onnivori e vegani.

Ma andiamo con ordine: lo scorso 16 aprile 2018 il giudice di Hell’s Kitchen e MasterChef UK ha twittato una foto che mostrava una pizza appena sfornata al Gordon Ramsay Street Pizza, il suo nuovo locale aperto a Londra. Come ha sottolineato The Independent, si tratta di una pizza vegana condita con melanzane, pinoli tostati, pesto di aglio selvatico e pomodoro.

Ma ciò che ha fatto infuriare i fan dello chef è il messaggio che accompagna lo scatto, già diventato virale sulla nota piattaforma social con oltre 5mila condivisioni in solo quattro giorni:

Diamo una possibilità a questa cosa vegana… Sì ragazzi, avete capito bene.

Tutti coloro che da anni seguono Ramsay in TV e sui suoi canali social, sanno benissimo che lo chef non non è mai stato un simpatizzante dei vegetariani e dei vegani, visto che Ramsay in varie occasioni ha dichiarato che "una vita senza mangiare carne per me è impensabile". Qualche esempio?

Nel 2007 fece scalpore l’intervista che Rasmsay rilasciò a The Mirror, dove dichiarò senza troppi giri di parole che "avrebbe fulminato i suoi figli se un giorno fossero diventati vegetariani".

Nello stesso anno Ramsay prese in giro la vegetariana Cheryl Cole, la leader della band musicale Girls Aloud, ospite del suo programma The F Word: "Non hai ricevuto il mio messaggio? - chiosò Ramsay in diretta TV alla cantante - I vegetariani non sono i benvenuti qui".

Nel 2016, invece, una fan chiese allo chef via Twitter se fosse allergico a qualcosa e la risposta di Ramsay fu breve e chiara:

Ai vegani.

L'ultima dichiarazione dello chef contro i vegani risale a febbraio 2018 quando Ramsay, "giocando" con la sigla di una delle associazioni per animali più famose al mondo, commentò via Twitter una foto pubblicata da un utente che mostrava un piatto di lasagne con verdure:

Sono un membro della PETA! [People for the Ethical Treatment of Animals, n.d.r.]. Persone che mangiano gustosi animali... [People Eating Tasty Animals, n.d.r.].

I seguaci di Ramsay sono convinti che lo chef non abbia assolutamente cambiato il suo regime alimentare e che la pizza vegana sia stata introdotta nel menu del suo nuovo locale londinese solo per "business". Intanto, su Twitter non sono mancati tweet esilaranti sulla "svolta vegana" di Ramsay:

"Mi hai spezzato il cuore", è il tweet pubblicato da un utente in merito allo scatto pubblicato da Ramsay.

Per un altro utente, invece, è sicuro che l'account dello chef sia stato hackerato...

Gordon Ramsay il tuo account Twitter è stato hackerato.

Non sono mancati, ovviamente, tweet di utenti vegani che hanno dimostrato tutta la loro contentezza per il "nuovo" regime alimentare di Ramsay:

Siii! Sono così felice per te! Sembra così buona [la pizza, n.d.r.].

Ma il tweet "inaspettato" è arrivato da PETA, che ha voluto lodare lo chef britannico per l'introduzione di un menu vegano nel suo nuovo ristornate:

FINALMENTE! Sapevamo che questo giorno sarebbe arrivato. Matilda [la figlia di Gordon Ramsay, n.d.r.] sa cosa vuole la gente; continua ad aggiungere le opzioni #vegan ai menu dei tuoi ristoranti.

Cosa ne pensate del primo piatto vegano preparato dallo chef britannico per il locale Goldon Ramsay Steet Pizza di Londra? 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.