FOX

La leggenda degli uomini straordinari: le curiosità su film e fumetto

di -

La leggenda degli uomini straordinari è un film del 2003 tratto liberamente dal capolavoro fumettistico di Alan Moore e Kevin O'Neill, intitolato La Lega degli Straordinari Gentlemen. Scopriamo insieme tutte le curiosità sul film e il fumetto.

Il gruppo di eroi letterari presenti ne La leggenda degli uomini straordinari

215 condivisioni 0 commenti

Condividi

La leggenda degli uomini straordinari (The League of Extraordinary Gentlemen) è una pellicola del 2003 di Stephen Norrington liberamente tratta dal capolavoro fumettistico La Lega degli Straordinari Gentlemen di Alan Moore e Kevin O'Neill, pubblicato per la prima volta nel 1999.

Il film riuscì subito a catturare la curiosità del pubblico, considerando il gran numero di celebri personaggi della letteratura del XIX secolo coinvolti nella trama, oltre ovviamente all’entusiasmo di vedere trasposto al cinema uno dei fumetti di Moore di maggior successo.

 

Il legame con la letteratura

Sono ben nove le icone letterarie comparse ne La leggenda degli uomini straordinari.

I protagonisti del film La leggenda degli uomini straordinariDC Comics
Il gruppo di uomini straordinari presente nel film
  • Ismaele di Moby Dick (scritto da Herman Melville)
  • Il Capitano Nemo (Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne)
  • Tom Sawyer (Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain)
  • Uomo invisibile (L'uomo invisibile di H. G. Wells)
  • Allan Quatermain (Le miniere di re Salomone di Henry Rider Haggard)
  • Dott. Henry Jekyll/Mister Edward Hyde (Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson)
  • Il Professor Moriarty (Memorie di Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle)
  • Dorain Gray (Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde)
  • Mina Harker (Dracula di Bram Stoker).

Inoltre vengono menzionate altre famose opere: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne, Jack lo Squartatore e I delitti della Rue Morgue di Edgar Allan Poe.

 

Gli interpreti del film

La leggenda degli uomini straordinari è una pellicola importante soprattutto perché segna l'ultima apparizione cinematografica di Sean Connery prima del suo ritiro dalle scene.

Di pregio anche la presenza di Peta Wilson (Mina Harker), celebre per il ruolo dell'agente antiterroristico Nikita nella serie TV omonima.

Il cast completo del film è composto da:

  • Sean Connery (Allan Quatermain)
  • Peta Wilson (Mina Harker)
  • Shane West (Tom Sawyer)
  • Naseeruddin Shah (Capitano Nemo)
  • Jason Flemyng (Dr. Henry Jekyll/Mr. Edward Hyde)
  • Tony Curran (Rodney Skinner/Uomo invisibile)
  • Richard Roxburgh (Professor James Moriarty/M/Fantasma)
  • Stuart Townsend (Dorian Gray)
  • Max Ryan (Dante)
  • Tom Goodman-Hill (Sanderson Reed)
  • David Hemmings (Nigel), che ricordiamo per le sue interpretazioni in Profondo rosso e Gangs of New York
  • Terry O'Neill (Ismaele, primo ufficiale del Nautilus).

 

Il fumetto di Alan Moore

Il fumetto La Lega degli Straordinari Gentlemen (The League of Extraordinary Gentlemen) da cui è stato tratto il film di Stephen Norrington, rivisita in maniera geniale i più grandi romanzi della letteturatura vittoriana.

Tutti i protagonisti di alcune fra le opere letterarie più influenti del XIX secolo vengono riuniti in un gruppo di stampo supereroistico. Il termine “Lega” infatti, non a caso, costituisce un riferimento alla Justice League of America targata DC Comics.

I protagonisti del fumetto di Alan Moore La Lega degli Straordinari Gentlemen HDDC Comics
La versione fumettistica degli uomini straordinari

Ciò che più colpisce del fumetto è la straordinaria capacità di Alan Moore di inserire, senza risultare fuori posto, una serie quasi infinita di citazioni e personaggi della cultura ottocentesca, senza slegarli dall’opera letteraria originale. L’arte di Kevin O'Neill, che ha disegnato La Lega degli Straordinari Gentlemen, fa il resto.

Fra le maggiori fonti d’ispirazione di Moore per la realizzazione dell’opera abbiamo la Wold Newton family, creata dallo scrittore fantascientifico Philip José Farmer, che mescola sapientemente personaggi storici e di fantasia, come ad esempio Tarzan di Edgar Rice Burroughs e Doc Savage di Lester Dent.

Tutti i volumi dell’opera sono intrisi di una sottile ironia, che ha l’intento di tenere alta l’asticella dell’attenzione del lettore contemporaneo, tramite rimandi alla cultura novecentesca che i protagonisti della Lega, per forza di cose, non possono conoscere. Per darvi un’idea, nel secondo volume dell’opera Mister Hyde sente qualcuno cantare in un locale “You should see me dance the polka”, evidente rimando al film Il dottor Jekyll e Mr. Hyde del 1941, con protagonisti Ingrid Bergman e Spencer Tracy.

Inoltre è curioso il modo in viene trattato Babbo Natale, che nel fumetto viene trovato piangente sul cadavere di un rappresentante di “una bibita gassata americana”.

 

Differenze fra film e fumetto

Le differenze fra il film di Norrington e il fumetto di Moore sono tante, a cominciare dal fatto che il gruppo di eroi letterari viene riunito nel film da Allan Quatermain e non da Mina Harker (Murray, nel fumetto). Inoltre, Tom Sawyer e Dorian Gray non sono presenti nella formazione di base del fumetto.

Dal punto di vista stilistico le variazioni sono evidenti e non gratificano il risultato finale ottenuto dal regista. Ad esempio, a un certo punto del film viene utilizzato un modesto carro armato per rapinare la Banca d’Inghilterra, una scelta molto povera da parte degli sceneggiatori, considerando l’eccellente design a metà fra futuristico e rétro presente nell’opera di Moore.

Il film pecca anche dal punto di vista della caratterizzazione dei personaggi. Ad esempio Mina, che nel fumetto ha un ruolo di leadership e un interessantissimo background, nel film si limita a interpretare la parte di vampira fine a sé stessa. Una differente caratterizzazione è stata adottata nel film anche per Allan Quatermain. Mentre nella pellicola il personaggio è interpretato da un robusto Sean Connery, un cecchino infallibile, sicuro di sé e in buona salute dal punto di vista fisico, nel fumetto Quatermain è un uomo gracile, decrepito e dipendente dalle droghe. L'Allan di Moore pare quasi l’ombra dell’Allan di Sean Connery.

 

E voi che ne pensate? Preferite il film del 2003 o il fumetto del maestro Moore?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.