FOX

La vera storia di Harry Potter: come sono nati i libri di J.K. Rowling

di -

Da giovane madre senza soldi a una delle donne più ricche del mondo. La vera storia della nascita di Harry Potter attraverso la vita di J.K. Rowling.

J.K. Rowling legge Harry Potter e la Pietra Filosofale

748 condivisioni 0 commenti

Condividi

C’era una volta una donna che amava scrivere.
Da queste premesse potrebbe nascere qualsiasi storia. Quella di J.K. Rowling, però, forse è davvero unica e non tutti la conoscono. 

Oggi non è il suo patrimonio con cifre da capogiro che ci stupisce, bensì l'enorme influenza che i suoi romanzi hanno avuto su intere generazioni, dagli anni '90 ad oggi. La scrittrice britannica dai capelli biondi e la battuta pronta ha segnato la cultura popolare con una piccola grande storia.

Com'è nato Harry Potter?

La storia di Joanne sembra una favola: da squattrinata madre single a donna più ricca d’Inghilterra (e non solo). Dopo un’infanzia più o meno comune, un matrimonio consumato e finito in Portogallo e la nascita di una figlia, il vero incidente scatenante nella vita di J.K. Rowling è arrivato in treno, durante un viaggio da Manchester a Londra.

Un orfano con gli occhiali, la magia e la ricerca della propria identità. Harry Potter e la Pietra Filosofale ha preso forma, negli anni successivi, in un piccolo pub di Edimburgo dal nome The Elephant House. L’ispirazione c’era, senza dubbio, ma il motivo principale per cui la Rowling non smetteva di scrivere era anche il desiderio di un futuro migliore per lei e sua figlia, Jessica.

La pubblicazione del primo libro di Harry Potter

Poster ufficiale di Harry Potter e la Camera dei SegretiHDWarner Bros
Emma Watson, Rupert Grint e Daniel Radcliffe, protagonisti dei film di Harry Potter

Oggi potrà sembrarci folle, ma J.K. Rowling ha faticato parecchio per far pubblicare il primo capitolo della saga di Harry Potter. Dopo aver convinto Christopher Little a diventare il suo agente, ben dodici case editrici rifiutarono le avventure del piccolo Harry. Ad accettare la sfida fu, nel 1997, una casa editrice sconosciuta, Bloomsbury. Grazie ad uno strepitoso passaparola, La Pietra Filosofale ebbe un grandissimo successo.

La Rowling cominciò a vincere qualche premio – tra cui il Premio Cento in Italia per la letteratura giovanile, a ricevere finanziamenti e il resto… è storia. Dall'uscita del primo capitolo, ogni seguito viene pubblicato a distanza di un anno circa, fino al 2007, quando la saga terminò con I Doni della Morte.

La Potter-Mania e i film Warner Bros.

Quando Warner Bros, alla fine degli anni ’90, comprò i diritti del primo romanzo e del merchandising ebbe inizio la Harry Potter Mania. Tutto il mondo, poco a poco, stava cominciando ad appassionarsi all’innocenza di un bambino speciale, accompagnato solo da una cicatrice e dei fedeli amici.

A Natale del 2000 BBC offre un evento speciale che include la lettura live di Harry Potter e la Pietra Filosofale, della durata di 10 ore. Inevitabilmente, J.K. Rowling diventa una delle donne più potenti del mondo secondo il Time.

Ed è solo l’inizio.

Al primo, fatidico film, seguono sette sequel (I Doni della Morte venne diviso in due parti), un cast indimenticabile e numerose candidature agli Oscar tecnici.

Tante traduzioni per Harry Potter

Tra l'uscita al cinema de La Camera dei Segreti e Il Prigioniero di Azkaban, nel 2003 Harry Potter segnò la storia con la traduzione del romanzo in ben due lingue morte.

Perché tutte le lingue del mondo conoscevano già le parole di J.K.Rowling, la casa editrice Bloombury prese una decisione fuori dalle righe: Harrius Potter et Philosophi Lapis Areios Potér kai é tu filosòfu lithos sono i titoli rispettivamente in latino e greco antico del primo capitolo della saga. Studiare le lingue antiche in quegli anni prese una piega decisamente divertente.

Versione latina di Harry PotterHDCopyright Bloomsbury
La copertina di Harrius Potter et Philosophi Lapis

Nel 2005, J.K. Rowling raccontò un aneddoto esilarante: ritrovatasi sotto pseudonimo su un forum di Harry Potter, si sentì dire dai fan più accaniti che non ne sapeva niente di magia e Harry Potter! Da lì, la scrittrice britannica ha cominciato a rendersi conto dell'enormità del fenomeno che stava crescendo giorno dopo giorno.

L'arrivo degli Animali Fantastici al cinema

Mentre nel 2012 apriva ufficialmente, nella piccola cittadina inglese Watford, il Warner Bros. Studio Tour London – The Making of Harry Potter,J.K. Rowling era in trattative per vedere un'altra delle sue storie sul grande schermo: Animali Fantastici e Dove Trovarli.

Nato nel 2001 come racconto di beneficenza, il mondo di Newt Scamander è diventato realtà nel 2016 con il premio Oscar Eddie Redmayne nei panni del protagonista. Il film ha ottenuto grande successo – oltre che la prima vittoria agli Oscar per i costumi per un film ispirato al mondo di J.K. Rowling. Un risultato niente male, se pensiamo che si tratta anche della prima sceneggiatura per un film scritto dalla mamma di Harry Potter.

Harry Potter e la maledizione dell'erede

Una figura così popolare come J.K. Rowling non può, naturalmente, scappare da critiche e controversie.

Nel 2016, il mondo di Harry Potter ha debuttato anche a teatro con un'opera scritta dalla stessa Rowling: La Maledizione dell'Erede. I tre atti, portati in scena da Jack Thorne, hanno come protagonista il figlio di Harry e Ginny, Albus Severus Potter, e sono ambientati vent'anni dalla fine de I Doni della Morte.

Quando venne annunciato il cast della rappresentazione londinese, ci furono polemiche sulla scelta di un'attrice di coloreNoma Dumezweni, per interpretare Hermione. J.K. Rowling si difese sostenendo di non aver mai fatto riferimento al colore della pelle di Hermione nei libri. Polemiche a parte, lo spettacolo è stato un successo tale da portare a casa ben 9 Laurence Olivier Awards nel 2017.

Harry, Albus e Ginny nella trasposizione teatrale di Harry Potter e La Maledizione dell'Erede

Il fenomeno Harry Potter è un’avventura più grande della storia stessa, che sembra non conoscere arresti.

Dopo la saga di Animali Fantastici, quali avventure attenderanno ancora il "bambino sopravvissuto"?

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.