FOX

Cose da supereroi: gli attori in costume e la difficoltà per andare al bagno

di -

Da Superman a Deadpool: i supereroi raccontano gli svantaggi dell'indossare i rispettivi costumi. Il commento più esilarante è di Ryan Reynolds.

La S simbolo di Superman, tratta dal film L'uomo d'acciaio

316 condivisioni 6 commenti 5 stelle

Share

Quanti di voi da bambini fantasticavano su come sarebbe stato bello essere un supereroe?

Okay, okay... abbassate quelle mani. Non ci credereste mai ma interpretare un supereroe non è tutto rose e fiori, in particolare per quanto riguarda indossare uno di quei meravigliosi costumi a prova di incendi, di urti o di tutto... o quasi. Il problema infatti nasce quando la tua vescica ti ricorda che sotto al costume siamo tutti uguali.

Lo raccontano gli stessi interpreti dei vari Superman (altro che kryptonite, la sua paura più terribile è un'altra!) e Deadpool. Molti di loro hanno infatti avuto problemi quando si è trattato di andare al bagno. Ne ha fatto le spese anche il nuovo Spider-Man, Tom Holland, che ha così scoperto il lato oscuro del costume che ha indossato in Spider-Man: Homecoming.

Le dichiarazioni degli attori, che di sotto riportiamo, sono state raccolte dal sito Eonline. Il commento più esilarante? Quello di Ryan Reynolds, ma anche Andrew Garfield non scherza!

Henry Cavill

Superman sarà anche più veloce di un proiettile, ma andare al bagno? Questo è il problema!

Non c'era la cerniera, quindi è solo una di quelle cose dove devi aspettare il momento giusto.

Naomi Scott (Power Rangers)

Non si poteva andare al bagno, questo era il problema, e se si poteva era una cosa di mezz'ora.

Jennifer Lawrence

Jennifer Lawrence in costume blu Mystique nella saga X-Men

Anche l'attrice premio Oscar per Il lato positivo - Silver Lining Playbook ha confessato di aver avuto problemi interpretando Mystica:

Dovevo stare in piedi e farla in un imbuto, ma non ne ero capace. Non c'era modo di farla senza gocciolare.

Ryan Reyndolds

Ryan Reynold, interprete di Deadpool, se l'è presa con "il genio che ha creato il costume":

Per trovare il mio pene ci sono voluti circa 30 minuti, quindi non è stato facile. Russ Shankles, il genio che ha fatto il costume, a questo non ci aveva pensato.

Russell Crowe

Russell Crowe in L'uomo d'acciaio

Anche Jor-El, il padre di Superman interpretato da Russell Crowe, conosce bene i problemi del costume da supereroe e sono gli stessi del figlio. "Ci sono voluti 25 minuti a farla", ha detto l'attore.

Il cast di Power Rangers

Ehi, ragazzi, hanno finalmente messo le cerniere sulla parte anteriore. Mi fa piacere, ma dovrebbero rivederlo per le signore.

Questo è stato il commento di Ludi Lim (Black Ranger).

Anche Becky G. (Yellow Ranger) ha detto la sua sulla "questione costume":

Diciamo solo che i ragazzi avevano vita molto più facile delle ragazze. Le cerniere non aiutano, questo è certo.

Christian Bale

Christian Bale, Batman nella trilogia composta da Batman Begins, Il cavaliere oscuro e Il cavaliere oscuro - Il ritorno

"Non ti senti molto supereroe quando qualcuno ti aiuta a farla", spiega Christian Bale, Batman nell'indimenticabile trilogia firmata da Christopher Nolan.

Andrew Garfield

"Fate in modo che sia più facile andare al bagno", ha scherzato Andrew Garfield quando gli è stato chiesto come avrebbero potuto migliorare il suo costume.

È come se tu fossi costretto a grattarti da solo. Sembra bello ma non considerano veramente l'intero funzionamento del corpo. La prossima volta mi ricorderò che sono umano.

Chris Evans

Anche per Captain America non è semplice andare al bagno

Chris Evans ha un solo suggerimento sul costume di Captain America:

Quello che renderebbe le cose più facili è semplificare la minzione.

Tom Holland

Anche il nuovo Spidey, Tom Holland, lamenta lo stesso problema di Garfield:

Non sono andato in bagno per circa undici ore perché non abbiamo capito come funziona il costume in quel momenti. È un vestito costoso e non si può bagnare.

Elizabeth Banks

Anche Rita Repulsa, la cattiva di Power Rangers, ha avuto i suoi problemi: "Per l'operazione erano richieste minimo quattro persone", ha ammesso Elizabeth Banks.

Al di là degli scompisciant... ops, esilaranti commenti degli interpreti dei supereroi Marvel e DC, questo forse ce li fa amare ancora di più. Ci ricorda il loro lato umano dietro quel costume (anche troppo) indistruttibile. E forse ci fa anche riconsiderare il nostro sogno di diventare supereroi. Sconfiggere il male, va bene, ma a quale costo?

Insomma, della serie "anche i supereroi piangono", e non solo!

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.